Woo Class: occhiali su misura in legno a Firenze

Credit: Woo Class

Woo Class è un laboratorio artigiano di Firenze dove Jochen e Lisa creano occhiali in legno su misura. La loro attività nasce da una sfida lanciata un po’ per gioco e un po’ per affetto e raccolta con entusiasmo. Parlare di Woo Class vuol dire non solo raccontare la tecnica e l’esperienza, ma avvicinarsi a suggestioni che arrivano dal mondo dell’arte e della cultura. Siamo in Italia, siamo a Firenze: e non è un caso.

Come nasce Woo Class

Che cosa sono gli occhiali? Una domanda semplice, ma solo in apparenza. È passato il tempo in cui gli occhiali erano soltanto una “stampella per la vista”, per usare l’efficacissima espressione di Lisa. Oggi gli occhiali sono un accessorio, uno stile, un modo di essere. C’è chi ne vuole diverse paia, da abbinare all’umore della giornata o all’outfit del momento. C’è chi ne ha un paio solo, ma lo sceglie con cura perché rispecchi la sua personalità. Ci sono quelli che “Io colorato, mai!” e quelli che “Se non è folle, non lo vogliamo”.

Un mondo affascinante e complesso, che Lisa e Jochen scoprono quasi vent’anni fa. All’epoca Costanza, la loro bambina, ha quattro anni. Deve portare gli occhiali, ma non è semplice trovarne di adatti al suo viso: la scelta si riduce a due paia, uno rosa e uno azzurro. Costanza non sopporta il rosa, ma per sua sfortuna è il paio che le calza meglio, e deve accontentarsi.

Poco male: da bambina vivacissima qual è, capisce subito che grazie agli occhiali può fare meglio un milione di cose: arrampicarsi sugli alberi, correre più veloce, cogliere i dettagli al volo. L’offerta di occhiali per bambini, però, è limitata: l’argomento diventa oggetto di conversazione durante una cena a cui partecipa anche un ottico amico di famiglia. L’ospite si rivolge al padrone di casa e gli fa una proposta: “Perché non provi a farli tu?”.

Non si tratta di una battuta di spirito: Jochen è un artista e l’amico lo sa bene. Nato in Germania, Jochen si diploma come maestro scalpellino e restauratore di sculture in pietra e terracotta. Arrivato a Firenze, rimane incantato dalla luce del capoluogo toscano e decide di fermarsi per l’inverno. Trova lavoro e si stabilisce in città, partecipando anche al restauro della facciata degli Uffizi. Basta una sua frase per capire il motivo della scelta: “Non c’è un altro luogo dove io possa toccare così tanta bellezza”.

Toccare, sperimentare, dare forma e senso nuovo alla materia: Jochen, dopo qualche anno, inizia a dedicarsi in prima persona alla scultura, utilizzando la pietra, il legno e molti altri materiali. Per questo l’amico ottico gli propone di creare gli occhiali per Costanza: sa che Jochen è un artista e un creativo. Sulle prime lui tentenna: “Non ho mai lavorato l’acetato” è la sua prima obiezione. “Perché non li fai in legno?” risponde l’altro.

La conversazione finisce lì, ma la serata dà la stura a pensieri e progetti: qualche giorno dopo, Jochen si presenta da Lisa con un paio di occhiali in legno, grandi e squadrati. Li infila nel taschino andando a prendere la figlia a scuola e davanti al cancello incontra l’ottico che era stato loro ospite a cena qualche sera prima. “Eccoli qui“, esordisce. L’amico replica: “Ci si potrebbe davvero lavorare: ti insegnerò quello che serve”.

Così, Jochen inizia a studiare: ottica, ergonomia, stile. E comincia anche a produrre le prime montature di occhiali in casa. Il legno è un materiale leggero e resistente, che si può piegare con l’aiuto del vapore: è la tecnica dello steam bending, introdotta dall’ebanista Michael Thonet nella prima metà dell’ ‘800 per curvare le sue sedie.

Per 9 mesi Jochen e Lisa provano, sperimentano, selezionano le forme, le finiture, le verniciature. Poi decidono di proporre i loro occhiali in legno ai primi clienti. Siamo nel 2004: inizia l’attività di produzione vera e propria.

Gli occhiali su misura di Woo Class

Con il passare degli anni, il laboratorio casalingo del Mugello, dove la coppia abita tuttora, si trasforma in una piccola impresa che crea poche, selezionatissime collezioni. L’azienda propone i suoi prodotti a ottici di tutto il mondo, lavorando soprattutto con l’estero e arrivando anche oltreoceano, fino in America. In quegli anni le aziende che realizzano occhiali artigianali in legno sono pochissime e le creazioni di Jochen sono molto ricercate.

Dopo il disegno del modello, il procedimento si sviluppa in diverse fasi:

  • Scelta del materiale: le tavolette in legno da cui si ricava la montatura sono in multistrato pressato. Si tratta di un materiale leggero, stabile e resistente. Di solito Jochen lavora con legno d’acero e di betulla, ma anche con le radiche o con legni pregiati e inediti, magari scelti dal cliente.
  • Fresatura: la tavoletta in multistrato viene fresata per dare forma all’occhiale.
  • Meniscatura, incollaggio e finitura: si tratta delle fasi che danno all’occhiale la sua forma, dalla curvatura della parte anteriore all’assemblaggio delle diverse componenti.
  • Verniciatura: Jochen e Lisa per i loro occhiali hanno scelto una copertura naturale, in olio di legno e olio di lino. Una scelta sostenibile, ma anche la volontà di proporre un materiale sicuro, che non causi irritazioni o reazioni allergiche. Gli occhiali, infatti, seguono le normative UE sulla sicurezza (direttiva 71/03/2019): non dimentichiamoci che i primi modelli dovevano essere indossati da una bambina.

Il marchio Woo Class nasce nel 2011, giusto dieci anni fa. Una suggestione grafica che arriva da un vecchio logo, ma anche la ripresa del verbo inglese “to woo“, che significa corteggiare. The art of wooing è il nome di una delle nostre capsule collection – spiega Lisa – ma è anche un richiamo alla sensualità”. Provate a pensarci: il legno è un materiale vivo che si curva per dare forma a un accessorio capace di esprimere personalità, fascino, seduzione. Immaginate la sua finitura naturale: un effetto satinato, liscio, quasi carezzevole al tocco: tirare in ballo la sensualità non è affatto un’esagerazione.

Negli ultimi quattro o cinque anni, Jochen e Lisa hanno voluto dare alla loro attività una direzione nuova, dedicandosi alla creazione di occhiali su misura. È il settore del bespoke, che si sta affermando sempre di più: non solo camicie e vestiti sartoriali ma anche scarpe e accessori, occhiali inclusi.

La proposta di Woo Class è fatta per incontrare il gusto di chi cerca un accessorio esclusivo: un paio di occhiali su misura valorizza i lineamenti e il volto di chi lo indossa, ma diventa anche espressione di personalità e di stile. Tutto inizia con una chiacchierata: senza fretta, e forse anche un po’senza tempo. Una conversazione con il cliente per capire non solo di cos’ha bisogno, ma anche cosa desidera.

Che differenza c’è tra bisogno e desiderio? La stessa che c’è tra un’email e una lettera scritta a mano. Entrambe servono a comunicare un messaggio, magari un bel messaggio, ma tra l’una e l’altra c’è tutta la differenza del mondo. Trovare la carta giusta e una penna che scivoli fluida e leggera, prendersi il tempo di pensare alle parole per non sprecare quell’unico foglio scelto con cura: lo avete mai fatto?

Jochen e Lisa lavorano così, facendosi guidare dal cliente e dai suoi desideri e accompagnandolo a loro volta in un viaggio di scoperta. La scelta del modello è importantissima: per ogni paio di occhiali su misura si creano diversi cartamodelli e i disegni restano per molto tempo sullo schermo di Jochen, perché possa vederli, modificarli, confrontarli.

Per uno stesso occhiale servono molte prove: il risultato dev’essere perfetto, ad immagine e somiglianza del cliente e di quello che vuole esprimere. Un percorso a metà strada tra funzionalità e coccola, come succede spesso quando si parla di “su misura”. Prova dopo prova, conversazione dopo conversazione, l’occhiale prende forma. Chi entra nell’atelier di Woo Class diventa un ospite, quasi un complice della maestria creativa. Maestria: un nome che evoca arte, tecnica e magia, e che descrive perfettamente il lavoro di Jochen e Lisa.

Ad ognuno la sua suggestione

I due artigiani hanno trasferito il laboratorio di Woo Class a Firenze per poter proporre i loro occhiali su misura lavorando a contatto con le persone. “Era difficile far arrivare i clienti nel Mugello – racconta Lisa – qui a Firenze, invece, è più semplice: riusciamo a seguirli meglio”.

La scelta del legno come materiale sostenibile e uno stile vagamente retrò rendono gli occhiali Woo Class estremamente attuali. Le tendenze di mercato per i prossimi anni, infatti, parlano di sostenibilità e di richiami agli stili del passato: ad anticiparlo, anche l’ANFAO, la principale associazione del settore ottico in Italia.

Gli occhiali artigianali del laboratorio fiorentino, però, non seguono le mode: perfino i modelli più originali hanno la grazia solida e armonica degli oggetti senza tempo. Come un pezzo di design, o una piccola opera d’arte.

Oltre agli occhiali in legno su misura, Woo Class propone anche le proprie collezioni. Le ispirazioni sono ovunque, ma spesso arrivano dal bagaglio artistico e culturale di Lisa e Jochen: il design, la scultura, l’architettura, il cinema. Alle grandi dive del cinema italiano, ad esempio, sono ispirati alcuni dei modelli della collezione “The art of wooing” / “L’arte della seduzione”.

I nomi di Gina e Marcello vi dicono nulla? Nel caso di Woo Class, si tratta di due modelli di occhiali da sole. Li ha scelti una coppia di clienti svizzeri che torna spesso in Italia per trascorrere le proprie vacanze al mare, in Sicilia. Un giorno lei ha confidato a Lisa: “Quando scendiamo in spiaggia o in piscina indossando i vostri occhiali, io mi sento Gina, e mio marito si sente Marcello”.

Potere della suggestione? Non solo. Piuttosto, la scoperta di come a volta basti un singolo accessorio a cambiare l’immagine che una persona ha di sé. E non c’è nulla di più intimo, personale e potente di uno specchio che rimanda un’immagine in cui ti riconosci davvero.

Lisa e Jochen assistono i clienti nella scelta. “Qualche volta siamo noi a consigliare un modello. – racconta Lisa – Un giorno, una cliente aveva accompagnato il marito che voleva degli occhiali su misura. Lei, invece, sulle prime aveva scelto un paio di occhiali da vista delle nostre collezioni, lineari e squadrati. Era una bellissima donna, e le ho suggerito di provare una linea più femminile. Prova dopo prova, alla fine ha preso entrambi i modelli, stupita dall’effetto che il cambio di stile aveva sul suo viso”.

Woo Class riesce ad accompagnare i clienti che vogliono un paio di occhiali su misura anche a distanza. Uno degli ultimi progetti ha visto gli occhiali del laboratorio fiorentino partire per l’estero: un viaggio di ottomila chilometri per una realizzazione esclusiva in legno pregiato. A proposito di destinazioni lontane, sapete che anche Oprah Winfrey indossa gli occhiali Woo Class? Jochen e Lisa lo hanno scoperto per caso in un forum online del settore: scoperta confermata da un ottico di Beverly Hills che lavora con loro.

Il fascino e il valore degli occhiali Woo Class nascono dall’equilibrio tra maestria e creatività, tra forma e sostanza. La conoscenza perfetta dei materiali e delle tecniche è al servizio dell’immagine, come mezzo per esprimersi e per esprimere. È Jochen a trovare le parole giuste: “Se gli occhi sono lo specchio dell’anima, dobbiamo valorizzarli come meritano”. Come dire: anche l’occhiale vuole la sua parte.

Link utili:

Indirizzo: Via dell’Orto 23r, 50124 – Firenze

Sito web: http://www.wooclass.com/

Facebook: https://www.facebook.com/woo.class

Instagram: https://www.instagram.com/wooclassofficial/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *